Carabiniere Babbo Natale sgombera la Befana

dicembre 2, 2014

Rovigo, 2 dicembre. Al mercato di Corso del Popolo un carabiniere dalle fattezze di Babbo Natale, manda via una vecchia mendicante, malata di cuore, dalle sembianze della Befana.

mendicante al mercato di rovigo

A Rovigo Babbo Natale carabiniere manda via la Befana mendicante
Guerra fra i poveri. La crisi economica alimenta conflittualità e rivalità soprattutto fra gli ultimi ed i poveri della categoria sociale restando le banche,  i grandi evasori, i grandi corruttori, i mafiosi, i partitocratici mazzettoni al sicuro a perseverare nella crisi che li arricchisce ancora di più nelle loro fortezze in sicurezza. La crisi economica alimenta povertà economica, morale e sociale, speriamo che non riduca all’osso anche la fantasia ed il senso di umanità.

Premessa legislativa: la mendicità non è un reato
Con la sentenza n. 519, depositata il 28 dicembre, la Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del primo comma dell’art. 670 c.p. Chiedere l’elemosina per strada non è più reato purché sia “una legittima richiesta di umana solidarietà, volta a far leva sul sentimento della carità “, che non intacca né l’ordine pubblico né la pubblica tranquillità.

befana mendicante a rovigoAl mercato settimanale di Rovigo fra bancherelle e menefreghismo sociale. Sul cartello: “Sono malata di cuore, una offerta, grazie per aiuto, Dio vi benedica”.  

 CRONACA –  Guerra anche fra Babbo Natale e la Befana
Martedì 2 dicembre ore 10,40 mercato di Corso del Popolo, davanti al palazzo Ina. In uno spazio lasciato vuoto da bancarella è situata un’anziana signora, vestita di nero, che chiede carità con cartello e l’immagine di sant’Antonio. Ma arrivano in coppia, appaiati e appiedati, due carabinieri vestiti di nero e con strisce rosse – verticali, sui pantaloni, una per gamba. Uno sembra un Babbo Natale in divisa, panciutello con i capelli bianchi, ed è proprio colui che intima alla mendicante, una povera vecchietta malata di cuore, di sgomberare. Anzi continuando il giro di pattuglia, che in verità è un percorso rettilineo, si gira indietro, una ventina di passi più avanti, fermandosi nella torsione sennò magari va a sbattere contro un passante o il collega, a controllare ed a ripetere alla povera “befana” di allontanarsi. Sì perché l’anziana signora sembra proprio una Befana che raccoglie soldini per confezionare regali per i bambini buoni, ma il Babbo Natale cattivo – anche se in divisa nera da carabiniere, che la crisi economica ha ridotto e decurtato anche le giornate di festività, la sistema per le feste e le impedisce di lavorare – mendicare, perché vuole gestire solo lui – il Babbo Natale travestito da carabiniere, i regali delle feste. Che quest’anno saranno ridotti (i regali) per la crisi economica ed allora meglio allontanare la festività della Befana e salvaguardare – incassare, quella del Natale.
carabinieri al mercato di rovigo
I carabinieri in servizio al mercato controllano anche i cani al guinzaglio…

AL COMANDANTE DEL COMANDO PROVINCIALE
DEI CARABINIERI DI ROVIGO
Egregio Comandante,
Le scrivo perché in prossimità del Natale dovremmo sentirci tutti più buoni, anche se la crisi economica sembra averci svuotate le tasche, anche dell’umana solidarietà.
Questa mattina, verso le ore 10,40 al mercato di Corso del Popolo di Rovigo, presso il palazzo INA, un carabiniere, in servizio con un collega, ha fatto allontanare una povera vecchietta vestita di nero, malata di cuore, che chiedeva la carità, in uno spazio lasciato vuoto da una bancarella: senza importunare nessuno, esibendo un cartello con la sua disperazione e protendendo un vassoio per le offerte con l’immagine di Sant’Antonio da Padova. Ma la mendicità non è più un reato: con la sentenza n. 519, depositata il 28 dicembre, la Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del primo comma dell’art. 670 c.p.: chiedere l’elemosina per strada non è più reato purché sia “una legittima richiesta di umana solidarietà, volta a far leva sul sentimento della carità “, che non intacca né l’ordine pubblico né la pubblica tranquillità.
E, dunque-1, sperando che la crisi economica non abbia ridotto all’osso anche la fantasia, è come se un Babbo Natale cattivo (il carabiniere panciutello e con i capelli bianchi) avesse impedito alla Befana (la nonnina vestita di nero) di raccogliere fondi per i regali ai bambini perché la crisi ha ridotto anche le festività ed allora Babbo Natale cerca di sopprimere quella della Befana per avere il monopolio dei regali.
E, dunque-2, sperando che la crisi economica non abbia ridotto all’osso anche il senso ed il diritto di giustizia,
Le chiedo signor Comandante, di verificare quanto da me scritto e di notificare – nel caso, ai suoi sottoposti questa questione – la legalità della mendicità, perché l’Arma, in tale frangente rischia di essere incostituzionale.

Granzette, 2 dicembre 2014
Roberto Costa
Associazione Biancoenero per i diritti umani e la giustizia sociale
comando carabinieri di rovigo befana

L’ultima Befana, del 2014, esce dal comando provinciale dove ha depositato i regali per i carabinieri buoni ed anche carbone per quelli cattivi. Che qualcuno che gli è toccato il carbone fra i denti se ne sia ricordato di pattuglia al mercato cittadino? 
.
.
.
.
.
.
.LA MANIFESTAZIONE 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: