Manifestazione nazionale migranti – Bologna

marzo 22, 2013

Bologna 23 marzo 2013. Manifestazione generale dei migranti contro il razzismo istituzionale e per la “liberazione” dalle catene della legge Bossi-Fini. Con i migranti per i diritti di tutti perché la crisi economica e sociale si supera assieme a partire dall’abolizione della schiavitù in cui versano quattro milioni di persone.


man. migranti bologna 23-3-2013

CONTRO LA BOSSI-FINI
Basta razzismo e sfruttamento, cancelliamo la Bossi Fini
Sabato 23 marzo – ore 15. Piazza XX Settembre, Bologna. Manife-stazione generale dei migranti. Di seguito l’appello di presentazione della manifestazione.

Da più di dieci anni noi migranti siamo incatenati dalla legge Bossi-Fini: il nostro permesso di soggiorno dipende dal lavoro e dal reddito, e per mantenere i documenti in regola dobbiamo accettare qualsiasi condi-zione di lavoro e salario. Se perdiamo il lavoro corriamo il rischio di per-dere il permesso, di essere rinchiusi nei CIE o espulsi. Già migliaia di mi-granti dopo aver costruito la propria vita qui hanno dovuto lasciare il paese perdendo anni di contributi versati. Già migliaia di migranti hanno dovuto separarsi dalle loro famiglie che sono tornate nei paesi di prove-nienza. I nostri salari sono mangiati dalle tasse e dai versamenti che siamo costretti a pagare alle Poste per rinnovare un permesso che spesso scade dopo pochi mesi. Per chi non ha il permesso di soggiorno è impossibile ottenerlo e ogni sanatoria è una nuova truffa. Il diritto d’a-silo esiste solo sulla carta e non è garantita nessuna vera accoglienza.
Questo è razzismo istituzionale! Questo è sfruttamento!

Oggi, però, noi migranti abbiamo ricominciato a sognare. Abbiamo accu-mulato forza dentro e fuori i posti di lavoro, abbiamo lasciato alle spalle la paura e abbiamo preso parola insieme, donne e uomini. Ora è arrivato il momento di uscire dai luoghi di lavoro, dalle case e dalle comunità per invadere le strade tutti insieme! È arrivato il momento di usare la nostra forza per liberare dal razzismo istituzionale tutti i migranti, in tutte le categorie lavorative e in tutte le condizioni di vita. Sappiamo che non siamo soli, al nostro fianco ci sono i nostri figli che vogliono la cittadi-nanza per liberarsi dalle catene del permesso di soggiorno. Sappiamo che con noi ci sono operai e precari, donne e uomini: perché sanno che la Bossi-Fini con il suo razzismo è una legge che divide e indebolisce tutti i lavoratori, italiani e migranti.

Basta farci dividere dalle leggi! Nessuno risolverà i nostri problemi al posto nostro, soltanto con la nostra forza possiamo vincere, cancellare la legge Bossi-Fini e conquistare la libertà per tutti i migranti.

Vogliamo che il permesso di soggiorno sia garantito a tutti slegato da la-voro e reddito! Diciamo basta al quotidiano razzismo istituzionale! Non vogliamo più sanatorie truffa! Non vogliamo più la farsa dei permessi umanitari e del finto diritto d’asilo! Vogliamo chiusi per sempre tutti i CIE!
                             QUESTO É IL MOMENTO!
                             BASTA RAZZISMO E SFRUTTAMENTO!
                             CANCELLIAMO LA BOSSI-FINI!
logo senza chiedere il permesso
.
                      Cronaca: Bologna 23 marzo 2013 

NO al razzismo istituzionale NO alla legge Bossi-Fini
«Rivoluzioniamo le politiche sull’immigrazione, combattiamo una legge ispirata alle pulsioni xenofobe dei governi che hanno fatto dell’immigra-zione solo una questione di (falsa) sicurezza. Le legge bossi-Fini incate-na i migranti rendendo il permesso di soggiorno dipendente da lavoro e reddito impedendogli così una vita serena e imponendo un futuro peren-nemente incerto.
Migliaia di migranti dopo anni di fatica e contributi versati (a gratis) sono costretti a lasciare il Paese perdendo tutto ciò che avevano costruito! Migliaia di migranti per mantenere i documenti in regola sono costretti ad accettare qualsiasi condizione di salario e lavoro!
Migranti da tutta Italia scendono in piazza lasciando alle spalle la paura per reclamare il diritto ad una vita libera dal ricatto e dal razzismo delle istituzioni, per conquistare ciò che gli spetta di diritto!».
                                Cittadinanza per tutti e tutte 
antirazzismo
     

        basta bossi-fini

La priorità dei diritti umani
1000 IMMIGRATI CONTRO LA BOSSI-FINI
La cartina di tornasole di una società civile è la tutela
e la salvaguardia dei Diritti Umani: di Migranti e Rom…
La manifestazione è organizzata dal Coordinamento migranti di Bologna. E’ importante sottolineare la valenza politica di una manifestazione per i Diritti Umani, anche in occasione del 21 marzo “Giornata contro il razzi-smo e la discriminazione”, “giornata” che è stata completamente dimen-ticata dalle sedicenti associazioni preposte, tipo Arci-Cgil e varie, mentre i folcloristici gruppi delle passate edizioni del “Primo Marzo” si sono sciolti in protagonismi etnici a canti e balli. Razzismo e discriminazione istituzio-nali che sono stati completamente dimenticati anche dai tre gruppi-ban-da all’assalto al Parlamento: 1- Berlusconi, quello del “pacchetto sicurez-za” che ha peggiorato la Bossi-Fini; 2 – Bersani che ha promesso un ge-nerico diritto di cittadinanza ai figli degli Immigrati ed i genitori che vada-no al loro Paese; 3 – Grillo, il taccagno, non menziona assolutamente (anzi) i Diritti dei Migranti nei suoi 20 punti di programma. Va altresì ri-cordato che oggi gli intellettualoni di Micromega, con i parvenu residuati del Popolo Viola,  manifestano a Roma contro Berlusconi – ohibò: quale valenza Costituzionale di fronte alla schiavitù di 4 milioni di persone!, e in Val di Susa si celebra la simbolica resistenza al Potere governativo, di migliaia e migliaia di persone attente, molto attente, al traforo di una montagna ma imbellamente ignare della “traforazione” dei Diritti Umani (si dà nota, comunque, che mentre Redazione …ENERO manifesta a Bologna, quella BIANCO… sta a manifestare in Val di Susa)
.

      inizio manifestazione migranti bologna

Sono arrivati a Bologna un po’ da tutta Italia gli oltre 1000 migranti che sono scesi in piazza per chiedere l’abrogazione della Bossi – Fini. Da Padova, Verona, Firenze, Brescia, centinaia di lavoratori, padri e madri di famiglia, studenti e precari che marciano tra le vie del centro a Bologna per chiedere che la libertà “non sia più incatenata a una legge sul lavo-ro”, e che i diritti sociali siano estesi anche a chi, nel Belpaese, “vive ogni giorno pagando le tasse”. Al loro fianco alcuni gruppi di sostenitori italiani, tipo sindacati di base (Cobas e Usb) e centri sociali bolognesi.

      migranti questo è il momento

Il corteo, guidato da un furgone da cui si alternano gli interventi ampli-ficati,  parte da piazza XX settembre e si snoda verso il centro città fino a piazza Nettuno, poi prosegue per via Rizzoli, piazza Maggiore, piazza Roosvelt, per ritornare a piazza Nettuno dove si scioglie. Nei diversi interventi sono state evidenziate le discriminazioni a cui sono sottoposti gli immigrati, la crisi che colpisce i lavoratori e soprattutto gli immigrati, i contributi INPS, per le pensioni, “trafugati” dallo Stato quando loro tor-nano ai loro Paesi di provenienza, la volontà di lottare assieme ed uniti: «Noi non possiamo accettare che Immigrati dopo 15 anni in Italia ven-gano espulsi con la famiglia perché perdono il posto di lavoro», « Siamo stanchi di essere trattati come animali, come schiavitù», «Siamo stanchi di essere trattati come animali, come schiavitù», «Facciamo il nostro lavoro ma vogliamo anche i nostri diritti». Gli slogan più urlati sono: “Bossi-Fini assassini!”, “Lotta dura senza paura!”.

      cancelliamo la bossi-finia
      uniti per i diritti degli immigrati.

      migranti in piazza nettuno

Notizie
> Italiani dove siete?
Corriere immigrazione, 24 marzo. Grande manifestazione a Bologna, organizzata dai migranti. Contro la crisi. Per i diritti di tutti. Ma i media l’hanno snobbata e gli italiani non si sono visti.


.  

.

.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: