Firenze No al razzismo: per una sola Umanità

dicembre 18, 2011

Sabato 17 dicembre, Firenze. 20 mila persone si ri-trovano a Firenze in piazza Dalmazia – luogo dell’aggressione, per manifestare in corteo fino alla piazza di S. Maria Novella. A ricordo ed in onore di Samb Modou e Diop Mor assassinati martedì scorso da un razzista di destra, espressione di una società che crea discriminazione. Un corteo che con una sola voce chiede diritti e democrazia, a partire dall’abolizione della legge Bossi-Fini sull’immigrazione, pilastro di un razzismo che si è fatto Stato.

> Firenze, spari contro i senegalesi
la Repubblica, 13 dicembre
> Firenze, fa strage di senegalesi e si uccide
Firenze, 13 dicembre (Adnkronos/Ign)
> A Firenze è follia xenofoba, uccisi due senegalesi
Diritto di critica, 14 dicembre

.
APPELLO
                Per Mor e Samb e per tutti noi, in piazza a Firenze


I nostri fratelli Mor Diop e Samb Modou sono stati assassinati e Moustapha Dieng, Sougou Mor e Mbenghe Cheike gravemente feriti da una mano armata dall’odio xenofobo, lucido e determinato. Tutti sono vittime della manifestazione estrema di un razzismo quotidiano che umilia sistematicamente la nostra dignità.
                                          
La strage del 13 dicembre a Firenze necessita di una risposta ampia e plurale, che esprima lo sdegno per i barbari assassinii e la ferma volontà di operare concretamente perché simili fatti non si ripetano.

È necessario che non ci si limiti all’abbraccio solidale verso la nostra comunità colpita e alla partecipazione al nostro dolore solo per un giorno.

Occorre andare più a fondo e individuare tutte e tutti insieme come si è costruito nel tempo il clima che rende possibile l’esplodere della violenza razzista come è avvenuto a Firenze e solo due giorni prima a Torino con il pogrom contro un insediamento Rom. 

Bisogna interrogarci su come siano stati dati spazi, per disattenzione e/o per complicità, ai rigurgiti nazi-fascisti di gruppi come Casa Pound, quale ruolo abbiano avuto in questa escalation non solo i veleni sparsi dalle forze “imprenditrici” del razzismo, ma anche gli atti istituzionali che, a livello nazionale e locale, hanno creato, in nome dell’ordine e della sicurezza, discriminazioni e ingiustizie.  


Chiediamo l’impegno di tutte e tutti per cambiare strada, intervenendo sul piano culturale e della formazione del senso comune, promuovendo il rispetto della dignità di ogni persona.

È necessario avere come punto di riferimento costante il riconoscimento dei diritti sociali, civili e politici delle persone immigrate, dei rifugiati e richiedenti asilo e dei profughi, eliminando i molti ostacoli istituzionali che contribuiscono a tenere in condizione di marginalità la vita di molti migranti in Italia.

Occorre dare piena applicazione al dettato costituzionale e alle leggi ordinarie che consentono la chiusura immediata dei luoghi e dei siti come Casa Pound, dove si semina l’odio e si incita alla violenza xenofoba. Bisogna che tutte le energie positive, che credono nella costruzione di una città e di un Paese della convivenza e della solidarietà, si mobilitino unite per fare barriera contro l’inciviltà, il razzismo, l’intolleranza.

Nel 1990 Firenze fu teatro di spedizioni punitive contro gli immigrati e vi fu una reazione popolare, che dette luogo ad una grande manifestazione di carattere nazionale. Facciamo un appello rivolto a tutte le persone di buona volontà, nella società e nelle istituzioni, ad unirsi a noi, in una manifestazione ampia, partecipata, pacifica, non violenta e contro la violenza, di carattere nazionale.

Una manifestazione che segni una svolta e l’inizio di un cammino nuovo, onorando le persone uccise e ferite in quella tragica giornata e capace di affermare in modo inequivocabile: mai più atti di barbarie come la strage del 13 dicembre.

L’appuntamento è a Firenze sabato 17 dicembre alle ore 15, partenza da Piazza Dalmazia, arrivo Piazza Santa Maria Novella.
                                    
                       Coordinamento Regionale dei Senegalesi in Toscana
.
.
COMUNICATO STAMPA
A Firenze contro il razzismo: per una sola Umanità
Rovigo, 18 dicembre. Invece di fare la passerella con gli studenti in Corso del Popolo o in piazza Vittorio a raccogliere firme per dare visibilità all’associazionismo pappa-e-ciccia locale [Arcisolidarietà – ndr], o di partecipare al pranzo antirazzista di un partito partitocratico [Rifondazione Comunista –ndr], che è un ossimoro [ci scusi l’arditezza culturale Carlo Cavriani capocornista del Carlino che ne potrà chiedere conto a Sergio Garbato che potrà consultare la Tre-cani in Accademia, perché, come il “matto” 
(dietro ogni scemo c’è un villaggio) di Fabrizio De Andrè non l’ha ancora imparata a memoria], come la cena per lo sviluppo del Polesine del Bavarolo o la cena per i bambini obesi del Rotaract, abbiamo preferito raccogliere l’invito dei fratelli senegalesi e partecipare alla grande manifestazione di Firenze anche se, in periodo di crisi economica, 45 euro – cadauno, per parteciparvi sono una bella spesa, che ci precluderà la possibilità di partecipare a qualche cena dei solidarietà per i senzafissadimora o per i bambini che muoiono di fame dell’Africa…
Una grande manifestazione, la più partecipata e propositiva degli ultimi anni, che ha rilanciato un’idea di solidarietà e di uguaglianza, e di percorsi di comunanza per uscire dal tunnel di un razzismo che si è incistato nella società. Per abbattere le mura ed i divisori sociali che hanno prodotto un vero e proprio “apartheid” sociale.
Il razzismo, la discriminazione sociale, la xenofobia, sono sostenuti da tre pilastri fondamentali: dalla legge Bossi-Fini del 2002 che ha istituzionalizzato un vero e proprio razzismo di Stato (verso 5 milioni di Immigrati e 160 mila Rom), dalla Lega Nord che è stata – fin dalla nascita, più e più volte “bacchettata” dalla Comunità Europea per propaganda razzista (chi si ricorda di Borghezio condannato per l’incendio di un dormitorio rom a Torino? Chi si ricorda del Sindaco Tosi condannato per incitamento all’odio razziale?) e dai mass-media di “regime” che hanno propagandato la discriminazione razziale (secondo il monitoraggio di Freedom House l’Italia, negli ultimi due anni, è scesa-sprofondata a Paese “parzialmente libero” per la libertà di stampa, al pari del Benin e del Tonga): basti vedere come le categorie più disprezzate dai mass-media (i Rom, gli Albanesi, i Romeni, Musulmani al quarto posto) coincidano esattamente con quelle più disprezzate, secondo le statistiche, dalla società: Rom, Albanesi, Romeni.
Se c’è una lezione propedeutica che nasce dalla manifestazione di Firenze è che non si potrà uscire da alcuna crisi economica (e dall’inquinamento ambientale), se non partendo dai Diritti Umani-pertutti (che vuol dire giustizia sociale ed uguaglianza), se non mettendoci assieme agli ultimi, ai più discriminati: ai nostri fratelli Immigrati e Rom, alle Donne emarginate, ai detenuti torturati, ai disoccupati depressi, agli anziani abbandonati, ai giovani privati del futuro…
Perché è solo attraverso la costruzione di percorsi di condivisione, di vivere comune e di emancipazione che ci si può liberare – assieme, dalle avversità di un potere – sempre più potentato economico e bancario, che si basa e si sostiene proprio sulla disuguaglianza e sulla discriminazione sociale e che produce razzismo e xenofobia.
Per una sola Umanità!
                 
(costituende) Brigate Biancoenero per i Diritti Umani
.
.
.
.

Annunci

2 Risposte to “Firenze No al razzismo: per una sola Umanità”

  1. Graziella said

    Lo sai bene Roberto che “Italia sono anch’io” non serve a dar lustro ad Arcisolidarietà…..o, almeno, non solo a lei……ciao

  2. Biancoenero said

    Avendo tentato di costituire, per primi, il comitato rodigino di “L’Italia sono anch’io”, noi di Biancoenero ne siamo stati esclusi in modro discriminatorio e razzista, a scapito di associazioni fisiologiche al regime partitocratico come Arci-solidarietà e Ramatlan-che-lavora-all’arci e di personaggi dell’associazionismo servile partitocratico come Tommasi (di qualsiasi tavolata per la pace)…
    Nei quotidiani locali si legge che Donata Tamburin di Arcisolidarietà raccoglieva, sabato 17 in piazza Vittorio, firme per l’”Italia sono anch’io”, con tanto di dichiarazioni di Colei a sostegno e difesa dell’iniziativa.
    Se c’erano altri gruppi, oltre l’Arci, a fare passerella di Natale, non ne è stata data notizia e noi si era a Firenze… – Biancoenero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: